Annualmente il mercato ecommerce sfonda il muro dei 10 miliardi di dollari: 7700 per l’ecommerce B2B e 2500 per il mercato B2C. Questa cifra ingolosice chiunque: ma come si può dominare il mercato senza essere dominati? Vediamo un esempio.

Immaginiamo di avere un’attività che produca borse e accessori di qualità. Si tratta di un’impresa che ben si adatta a vendere con un ecommerce sia perché presenta un bene diffuso sia perché si tratta di merce che si può esportare senza deterioramento dei materiali.
E’ del tutto evidente che il negozio fisico non garantisca tutte le opportunità del mondo web. Il mercato online è esponenzialmente più ampio e si può esportare il proprio prodotto in ogni angolo del pianeta.

Ma quale strategia ecommerce adottare?

Per vendere borse e accessori è fondamentale la parola differenziazione che dovrà guidare tutti i principi della strategia di marketing e comunicazione.

Come deve essere il sito ecommerce per vendere borse e accessori

Iniziamo dal sito. Non basta avere un grande catalogo in cui si presentano tutti i prodotti corredato da foto di qualità. Avere una grande offerta non significa differenziare. Per differenziare è fondamentale saper valorizzare ogni bene e per fare questo bisogna presentarlo nel modo giusto.

Il sito deve dividersi quindi in più sezioni. Non si può raccattare nell’unica etichetta borse e accessori tutto il proprio repertorio. Bisognerà dividerlo in sottogruppi che possano agire in modo indipendente.

La strategia SEO per vendere borse e accessori con un ecommerce

Soltanto in questo modo la ricerca con il SEO potrà avere benefici. Insomma, si tratta di ampliare il proprio lavoro moltiplicando le chiavi di ricerca in cui si sgomita per essere in prima pagina. Ma se il lavoro viene così impostato, si moltiplicano anche i risultati.
Infatti, il lettore che sui motori di ricerca digiterà, per esempio, “borse di pelle” o “borse tracolla” o “borse nere” verranno proiettate sulle specifiche pagine del sito dove troveranno soltanto le offerte che lo interessavano veramente.

Anche su questo aspetto è bene ricordare come il SEO non sia soltanto uno strumento per vendere, ma principalmente un indicatore del traffico che permette di comprendere quali sono le preferenze del gusto. Essendo dinamico per definizione non soltanto dobbiamo ricordarci che la posizione conquistata non è eterna ma anche che il valore di una chiave di ricerca varia nel tempo. Per questa ragione nel nostro esempio legato a borse e accessori , le mode condizionano le tendenze del pubblico. E’ spiacevole sentirselo dire, ma dopo aver lavorato per acquisire un ranking importante, potremmo accorgerci che quella parola non è più così ricercata e dovremmo impegnarci per scalare posizioni per un’altra chiave di ricerca.
Nel prossimo articolo continueremo a usare come esempio il nostro fantomatico negozio di borse e accessori per dimostrare l’importanza di avere strategie web di marketing e comunicazione per l’ecommerce. Ci soffermeremo sul concetto di localizzazione dimostrando come sia fondamentale espandersi tenendo conto dei valori culturali specifici di ciascuna nazione.
Ma prima di localizzare è indispensabile differenziare: diversificare la produzione valorizzando ciascun bene offerto.

Vendere borse e accessori con un ecommerce : differenziazione come parola d’ordine