“Come posso passare a un e-commerce se i miei clienti vogliono comprare guardando in faccia il venditore?” E’ l’obiezione tipica degli imprenditori quando si rifiutano di puntare sul mercato del web. Ma siamo sicuri che la realtà sia effettivamente così?

E’ una domanda che logora molti imprenditori incuriositi dall’opportunità di aprire un e-commerce ma preoccupati di fare un salto nel buio. In questo articolo, vedremo come la domanda sia posta nel modo sbagliato.
Non chiederti se serve, ma se sei pronto. E ricordati che se tu non sei pronto, il problema è tuo. Perché il cliente è già preparato da tempo a comprare online.

ll 90% dei consumatori conosce non soltanto il prezzo della tua merce ma anche quella dei tuoi concorrenti. Pertanto, la resistenza al mercato web non appartiene ai consumatori.
Se hai superato questo scoglio e ti stai chiedendo cosa fare per essere all’altezza della sfida ti riportiamo tre consigli avendo come esempio un ipotetico negozio di borse e accessori che voglia ampliare la propria attività.

E-commerce , inizialmente ti costerà tempo, energie e soldi

Aprire un sito e-commerce è facile e veloce. Realizzare un sito e-commerce che funzioni richiede competenze, abilità e tempo. Per questo non permettere che il tuo ottimismo ti faccia perdere il contatto con la realtà. Per quanto tu possa delegare la realizzazione del sito a un’azienda esterna dovrai essere tu ad assicurarti che il sito sia in linea con i valori e l’immagine aziendale.

Se il sito non ti rispecchia, è dispersivo e non valorizza i tuoi prodotti diventa un boomerang.
Immaginiamo di avere un negozio di borse e accessori che stia aprendo al web. Non basterà mettere in un unico paginone tutti i nostri prodotto con la speranza (ma sarebbe meglio dire l’illusione) che  improvvisamente i clienti comprino senza remore.

Il “paginone” risulterà dispersivo e confusionario azzerando le possibilità d’acquisto. Molto meglio prevedere sezioni distinti con prodotti presentati in modo uniforme con immagini nitide e dettagli che vincano l’iniziale diffidenza dei consumatori.

La strategia a lungo periodo dell’e-commerce non deve cambiare

Nel momento in cui ti proietterai con l’ecommerce nel mondo del web verrai sommerso da novità, aggiornamenti, tendenze che si svilupperanno e altre che diventeranno obsolete rapidamente. In quei frangenti soltanto se hai pianificato una strategia a lungo termine solida e bilanciata, potrai resistere alle folate del mercato e riprendere a navigare con la tua attività verso porti sicuri.

Se per esempio il nostro  negozio di borse e accessori volesse inseguire tutte le novità del mondo fashion, rischierà di perdere l’identità cambiando in continuazione. Se invece il sito ecommerce del negozio di borse e accessori dovesse essere calibrato per differenziarci dai concorrenti, potremo mantenere la struttura stabile limitandoci a qualche piccolo e inevitabile adattamento.

Essere flessibili è giusto, ma se ci pieghiamo a ogni cambiamento finiamo con l’essere dominati dal mercato.

Il prezzo lo  decidi tu. Il valore lo decidono i clienti

Una legge del mercato sostiene che tutto ciò che viene venduto deve avere valore e deve essere percepito come tale. Pertanto, la superficialità di affermazioni del tipo: “Metto nell’e-commerce anche accessori da 1 e 2 euro che la gente compra senza pensarci” è un grave errore. Chi completa un acquisto e non rimane soddisfatto sviluppa un’immagine negativa non solo nei confronti di quel prodotto ma di tutti quelli associabili al brand.

Se per il nostro negozio di borse e accessori trascurassimo gli accessori che hanno un prezzo più basso, rischieremmo di perdere credibilità in toto agli occhi dei clienti. A quel punto la nostra offerta di borse e accessori non risulterà più appetibile con un danno ancora maggiore.

E-commerce di borse e accessori di qualità: le leggi di mercato rimangono uguali. Il web le rende più veloci.