Analizzare i comportamenti dei tuoi competitor? Se hai un’attività o un’azienda non puoi negare di averlo fatto. La curiosità è una caratteristica di tutte le persone di successo e quello che hai fatto si chiama benchmarking.

Benchmarking è un termine che nasce in un ambiente prettamente economico, deriva da “bench” che vuol dire “banco” e “to mark” che significa “segnare”, ed è una tecnica tipografica.

In economia è la tecnica che ti permette di analizzare, in maniera strategica i tuoi competitor. Si utilizza la misurazione dei prodotti e servizi offerti in relazione alle caratteristiche dei prodotti che offri tu.

Quando funziona il benchmarking

Il benchmarking funziona solo se il confronto avviene con i leader di settore. Solo in questo modo hai la possibilità di valutare quali possono essere le best practice e arrivare anche tu al successo.

Dimmi la verità, spesso ti hanno detto di non imitare nessuno e procedere per la tua strada. Citando Victor Hugo, “il leone che imita il leone diventa una scimmia”, per questo il benchmarking deve diventare strategico e non un’imitazione di altre attività. Ricorda che le imitazioni rimarranno sempre sugli scaffali, il cliente sceglie l’originale.

Come si è evoluto

Nasce negli anni 70 e si evolve nella struttura e nella metodologia. Oggi possiamo affermare di essere alla quinta generazione.

Inizia il suo percorso guardando verso l’interno dell’azienda analizzando la qualità del prodotto. Il primo cambiamento sposta lo sguardo verso l’esterno, analizzando la panoramica del settore in relazione alla componente competitiva. Continua la sua evoluzione analizzando la funzione con uno sguardo sulle performance e le metodologie gestionali per poi passare alla strategia e infine al settore globale.

Un buon manager riesce a sfruttare in maniera strategica il benchmarking

Vantaggi

Il vantaggio del Benchmarking è scoprire le prassi aziendali di successo dei competitor e poter creare su questi dati un vantaggio strategico per perseguire il proprio successo. Con l’evoluzione del mercato e la velocità imposta dall’evoluzione tecnologica, saper percepire il cambiamento è un fattore critico di successo per ogni azienda. Il modo migliore per gestire il benchmarking è pianificare ogni azione nei minimi particolari e controllare la gestione di ogni processo.

Soltanto la capacità strategica di un buon manager può creare un vantaggio dal benchmarking, permettendo all’azienda di allinearsi al cambiamento.