Come scrivere una mail vincente ? L’importanza del titolo

Come scrivere una mail vincente è diventata una priorità per il web marketing. Internet consente di raggiungere rapidamente contatti personalizzati e di scrivere direttamente a ognuno dei membri della mailing list. Fin qui tutto bello, ma c’è un problema. Il 75% delle mail inviate a contatti che non rientrano nella ricerca degli amici o dei colleghi di lavoro, viene cestinata senza che venga neppure letta.
Cosa fare? Cominciare dal titolo e dall’incipit. Se non catturiamo il lettore nei primi dieci secondi, è inutile tutto il restante lavoro. La nostra mail verrà cancellata senza pietà e il destinatario non saprà neppure cosa avevamo da offrirgli.

Il titolo deve essere magnetico: deve incuriosire e dobbiamo ricordarci che nelle prime parole dobbiamo giocarci le nostre carte migliori. E’ inutile mantenere negli assi nella manica se l’interlocutore si è alzato dal tavolo dichiarando di non voler continuare la partita.

In questo primo articoli, vediamo le prime strategie da utilizzare nell’incipit di una mail con degli esempi pratici.

Come scrivere una mail ? La strategia del buon consigliere

Ora vedremo  come si può declinare la strategia più diffusa tra i migliori copywriter. L’idea di fondo è di regalare  un’informazione, un consiglio utile che il lettore possa sfruttare immediatamente. Attenzione, però, la forma fa la sostanza e chiunque si chieda come scrivere una mail vincente deve conoscere le varianti di questa linea.

1. Puntare sui numeri

Inserire una cifra nel titolo conferisce credibilità al nostro messaggio: meglio ancora se si preannuncia una lista di cose da fare o da evitare.
Es. “Le dieci frasi vincenti per convincere il tuo cliente” o “Le cinque cose da non fare per mantenere la linea”.
In questo caso la mail deve avere poi un contenuto snello: il lettore vuole rapidamente scoprire quali sono i passi da compiere o gli errori da non commettere senza ulteriori fronzoli. Preoccupiamoci di dimostrarci affidabili fornendo informazioni immediatamente applicabili e non esponiamo troppo presto il prodotto o servizio che vogliamo vendere.

2. “Non lo sai che..”

Inconsciamente uno dei motivi principali per cui temiamo di essere inadeguati è quello di apparire ignoranti! In realtà, nessuno di noi può sapere tutto ma a volte è difficile ammetterlo. Ecco perché se nella mail leggiamo incipit del tipo: “Non puoi non conoscere il modo per…” o “Forse non sai che…” saremo spinti a leggere il contenuto del testo. Non fosse altro che per non fare una figuraccia con amici o conoscenti che dovessero tirare fuori l’argomento.

3. Obbligo di appartenenza

E’ un tipo di strategia che si basa su un pilastro della comunicazione persuasiva: la riprova sociale. La necessità di sentirsi parte dell’ élite del proprio gruppo di riferimento è un incentivo efficace. Vuoi degli esempi?

“I tre segreti che ogni grande pasticciere dovrebbe conoscere” oppure “I trucchi usati dai grandi esperti di pesca”. La paura di essere esclusi spingerà il lettore ad aprire la mail per verificare di usare la stessa tecnica dei top player del proprio ambito

4. Referenza

Serve per accrescere la forza del nostro messaggio apparendo ancora più credibile. E’ particolarmente prezioso in un periodo in cui le fake news hanno offuscato la fiducia nei confronti dell’ informazione. Eccone alcuni esempi per chi voglia scoprire come scrivere una mail che sembri corredata da una certificazione: “I medici sono sicuri: …” oppure “Il dato è ufficiale: …”

In questo primo articolo abbiamo visto le strategie sul come scrivere  una mail puntando sulla credibilità del titolo. Nei prossimo articoli osserveremo come si possa puntare su altre due parole chiave: sfida e aggressività.

Per chi sta cercando soluzioni su come scrivere una mail persuasiva, si tratta di due approcci diretti che presentano anche dei difetti ma che stanno riscuotendo recentemente successo proprio perché hanno il merito di simulare un dialogo diretto con lettore.

Come scrivere una mail con un titolo vincente? Punta sulla credibilità