La scelta del fornitore è sempre un’operazione difficile e non priva di rischi, sia dal punto di vista economico sia da quello gestionale. Infatti un fornitore che è puntuale, rispetta gli accordi, non fa sorprese spesso è preferito ad uno che fa la gara solo sul prezzo.

Come faccio a scegliere il fornitore giusto per me? Questo è uno degli argomenti più spinosi che si possa trattare, quindi trattiamolo coi guanti!

La domanda sorge spontanea, quando mi conviene guardare solo il lato economico e quando invece dobbiamo stare attenti anche a tutto il resto quando mi trovo a scegliere il fornitore giusto?

Scegliere il fornitore giusto è sempre un’operazione difficile e non priva di rischi, sia dal punto di vista economico sia da quello gestionale. Infatti un fornitore che è puntuale, rispetta gli accordi, non fa sorprese spesso è preferito ad uno che fa la gara solo sul prezzo. Quindi la domanda sorge spontanea, quando mi conviene guardare solo il lato economico e quando invece dobbiamo stare attenti anche a tutto il resto?

Come faccio a scegliere il fornitore giusto? La prima fase di scelta deriva dalla situazione in cui ci troviamo, ovvero, è un’acquisto singolo o sarà un rapporto duraturo? E’ ovvio che se devo instaurare un rapporto duraturo con un fornitore è meglio garantirsi una collaborazione che si basa su fiducia, rispetto degli accordi e trasparenza, magari anche a discapito del prezzo finale ( puoi leggere come, secondo me, si dovrebbe comportare un fornitore negli articoli precedenti ).

Risparmiare?

Le grandi offerte sono sempre allettanti, magari ti fanno risparmiare un bel po’ di soldi in prima battuta, ma come diceva un mio caro amico, non capirai mai il valore di un lavoro fatto da un professionista se prima non l’avrai fatto fare da un dilettante! Pensiamo alla frase che sicuramente tutti abbiamo sentito almeno un paio di volte nella vita:”cosa vai a spendere tutti quei soldi! Ti presento un mio amico che te lo fa a metà prezzo!”. Fuggite! E’ una trappola!

Come faccio a scegliere il fornitore giusto?

Ti porto un mio esempio personale.

Dovevo trasferirmi nel nuovo appartamento, e prima di traslocare abbiamo voluto dare una bella decorata ai muri. Questo tipo di lavoro l’ho sempre fatto io, ma per mancanza di tempo (e voglia), ho deciso di affidarlo ad un decoratore.

Mi sono fatto fare un paio di preventivi, tra cui anche uno da una ditta che mi ha consigliato un mio conoscente perché a detta sua: “questi sono bravi, veloci e costano veramente poco!”.

L’offerta era vantaggiosa, troppo vantaggiosa, perché costavano dal 30 al 50% meno degli altri? Sinceramente non mi sono fidato, ed ho preferito dare il lavoro ad una ditta gestita da una persona che conoscevo e di cui avevo anche già visto dei lavori, questo mi è costato quasi il doppio rispetto al preventivo di quelli bravi, veloci e che costano poco. Ovviamente il mio conoscente mi ha dato del “Picio” (pirla per i non torinesi), per aver buttato via i soldi in questa maniera e che non capiva perché si dovessero spendere tutti quei soldi per “dare il bianco a quattro muri”.

Tanto lo sai cosa sto per dire vero?

Quelli bravi, veloci e che costano poco, oltre aver lasciato un disastro a fine lavori (cosa trapelata in un secondo tempo), avevano preso vernici da quattro soldi, le avevano mischiate col Vinavil ( pratica che non conoscevo ), ed hanno applicato il colore sui muri che non avevano subito nessun trattamento di pulizia precedente, l’effetto dopo due anni era quello di avere la parete a macchia di leopardo, che può anche stare bene se sei Tarzan e vivi nella giungla. Inutile dire che ha dovuto ridare il bianco, mentre a casa mia i muri sembrano ancora appena tinteggiati.

Con questo non voglio dirti di quanto sia figo, perché di fregature ne ho prese tante e ne prenderò ancora, ma voglio farti riflettere su un altro punto. Ti stai rivolgendo ad un artigiano o stai comprando un prodotto di largo consumo? Se devi comprarti un televisore, è normale che uno faccia il giro dei negozi, veda magari se ci sono offerte interessanti on-line poi decida. Se vuoi il modello XY della marca 123 è normale che lo cerchi al prezzo minore, occhio però che poi magari hai bisogno di assistenza, quindi fai attenzione che prenderlo su un sito di aste on-line del Guatemala potrebbe portarti ad avere problemi nel caso avessi bisogno di assistenza.

Scegliere il fornitore giusto è fondamentale

Ricapitoliamo insieme come scegliere un fornitore.

  • Scegli in base alla frequenza per cui avrai bisogno del servizio o prodotto che vuoi acquistare, se è un acquisto singolo o se si tratta di creare un rapporto duraturo.
  • Scegli in base al prodotto. E’ un prodotto che deve essere eseguito da un artigiano o è di largo consumo?
  • Scegli la persona! Ne abbiamo parlato più volte, la persona giusta farà sempre la differenza!

Ma soprattutto, in bocca al lupo!