Come aumentare il fatturato di un’azienda con un’alleanza

Per ogni imprenditore o libero professionista che voglia capire come aumentare il fatturato senza poter – o voler – fare pesanti investimenti, sarebbe bene conoscere le sorprendenti potenzialità di un’alleanza strategica.

Troppo spesso si crede che soltanto i colossi abbiano l’occasione di fare alleanze vincenti:

per esempio i tycoon del food & beverage o della ristorazione che offrono biglietti per il cinema o i giganti dell’elettronica che “regalano” biglietti per parchi divertimenti.

Ma se si attuano le dovute proporzioni, è possibile comprendere i meccanismi di queste alleanze con vantaggi immediati che daranno una risposta concreta al rebus su come aumentare il fatturato di un’azienda.

Se non hai mai pensato a un’alleanza per risollevare il fatturato del tuo business, non preoccuparti:

la colpa non è tua.

Semplicemente, non ti hanno mai spiegato come fare a trovare nuovi clienti senza spendere neppure un euro.

Un’alleanza vincente ha tre requisiti fondamentali:

È gratuita, non serve per vendere qualcosa al partner, non è un gioco a somma zero in cui se uno ci guadagna, l’altro ci rimette.

1. L’alleanza deve essere GRATUITA:

se vengono chiesti immediatamente dei soldi, l’alleanza non può essere produttiva.

Soprattutto in una fase iniziale spendere significa fare un salto nel buio perchè non si possono misurare le opportunità e i rischi di un accordo.

Ecco perchè bisogna diffidare da chi chiede cospicui anticipi di denaro soltanto per avere i biglietti da visita di altri imprenditori o liberi professionisti:

nessun investimento è valido se non sono definiti i vantaggi economici che ne possono conseguire e i tempi necessari per il rientro di flusso in cassa.

Anche le alleanze non deludono questo principio e perchè siano la soluzione concreta sul come aumentare il fatturato , devono necessariamente essere a costo zero almeno in fase di avvio.

2. Non si fa un’alleanza per vendere i servizi all’altra parte:

Se un’alleanza si basa su un semplice scambio di favori, si perdono le reali potenzialità di un accordo.

Un’alleanza efficace non punta a vendere il servizio all’interlocutore ma ad intercettare i suoi clienti.

Lo scambio “uno ad uno” non ha alcun significato:

le possibilità si moltiplicano se il target viene spostato sull’indirizzario dei clienti della controparte.

Proprio per questo, molto spesso le alleanze che danno risultati migliori sono controintuitive perché uniscono business diversissimi tra loro ma che si rivolgono allo stesso target (come per esempio un negozio di abbigliamento per bambini e una cartolibreria).

3. In un’alleanza si vince insieme:

la principale resistenza a siglare un’alleanza è la paura.

Il timore di essere ingannati, di ricevere una fregatura, può essere letale perché spinge a vedere nell’alleato un concorrente e non un aiutante.

Il risultato?

Se tutti e due vogliono vincere come singoli, finiscono entrambi per perdere.

Spesso si è reticenti a concedere la possibilità di contattare i propri clienti all’eventuale partner commerciale senza comprendere che la sinergia può comportare un aumento di credibilità presentando un servizio aggiuntivo.

Soprattutto, nel momento in cui sigliamo un’alleanza, abbiamo tutto l’interesse a vedere crescere il nostro alleato perché questo comporta indirettamente una crescita anche per noi.

Le alleanze che aiutano chi si interroga su come aumentare il fatturato del proprio business non richiedono un dispendio di risorse economiche ma la competenza necessaria per comprendere come intercettare i bisogni del mercato e far percepire come seducente la propria offerta ai consumatori.

Tramite un’alleanza, è infatti possibile presentare promozioni che appaiono irresistibili perchè escono dalla logica dello sconto per fornire servizi aggiuntivi che puntano sul margine di contribuzione.

Come aumentare il fatturato con un’alleanza ? Segui le tre regole fondamentali di un’alleanza di successo: costo zero, puntare al vero target, sinergia con la controparte.